Home Progetto
| Stampa |

alt     alt

alt

 


"Il mondo di Kazuhide Takahama" 


Un designer tra oriente e occidente


CON GRANDE DOLORE ABBIAMO APPRESO OGGI 08/FEBBRAIO/2010 CHE L'ARCH. KAZUHIDE TAKAHAMA
HA LASCIATO IL SUO CORPO.


Non vi è nulla che sia permanente: il sole e la luna sorgono e poi tramontano, alla luce chiara e trasparente fa seguito la notte, buia e opaca. Tutto cambia di ora in ora.
La nostra vita e' come una clessidra che non si ferma mai...
Un istante dopo l'altro, senza sosta, la vita si consuma: eccoci bambini, poi adulti. poi vecchi, poi morti, un istante dopo l'altro, senza sosta.
questa nostra vita e' come una bolla d'acqua o una candela, l'impermanenza e la morte sono come il vento !  (Kalu Rimpoche)


Una nuova mostra dello Studio Archeo900 presentata in anteprima Milano al Parco Esposizioni di Novegro come mostra tematica durante la VI edizione di "Novegronovecento" in concomitanza con il Salone del Mobile il 24,25,26-04-2009.
Un percorso tra le creazioni dell'architetto Takahama realizzate dai primi anni in Italia fino ad oggi; lampade e mobili che hanno segnato fortemente il design italiano e che sono "senzatempo" per la loro eleganza formale e razionalità, al punto che molti di essi sono stati oggi rimessi in produzione da "Design d'Autore" e da "Nemo", divisione luci di Cassina.

Kazuhide Takahama
un designer che senza esitazioni, già vent’anni fa, Dino Gavina indicò tra i più importanti con Marcel Breuer, Pier Giacomo Castiglioni, Charles Eames, Harry Bertoia, Carlo eTobia Scarpa e Alvar Aalto.

Takahama arrivò in Italia nel 1957 per realizzare il famoso Padiglione del Giappone al XI Triennale di Milano e in quell’occasione conobbe Gavina.
Dal 1963 si stabilì a Bologna e iniziò una straordinaria collaborazione con Dino Gavina e con molte altre aziende italiane progettando mobili e lampade che sono ancora oggi di grande attualità e alcuni di essi ancora in produzione.

Sono noti a tutti gli appassionati di design il divano “Naeko”, le sedie “Gaja”, “Iside” e “Nausicaa”, le lampade “Saori”, “Sirio”, “Totem” e “Kazuki”, i tavoli “Micene” e “Doria” e i bellissimi mobili laccati della serie “Bramante”.